Cauteruccio: omaggio alla Madonna del Pilerio e all’allattamento

Il regista Cauteruccio ha costruito una performance per la patrona di Cosenza nel Duomo della città, affiancato da un gruppo di mamme che allattavano i figli

Giancarlo Cauteruccio è apparso alla Madonna del Pilerio, verrebbe da dire, giocando col titolo dell’autobiografia di Carmelo Bene. E forse il gioco non è così azzardato. Il regista e attore della storica compagnia Krypton ha dato vita a una performance creata appositamente per la cattedrale di Cosenza, per omaggiare la patrona della città. Ha declamato versi propri e quelli dello scrittore di Acri, Vincenzo Padula, affiancato dalla cantante Laura Marchianò, campeggiando nell’abside dell’altare, tra un ensemble di musicisti del conservatorio Giacomantonio di Cosenza e un gruppo di mamme in fila che allattavano i propri bambini. Tutti immersi in un’architettura luminosa, creata da Massimo Bevacqua, mentre lì accanto la grande statua della protettrice della città dei bruzi, coi ceri accesi dai devoti, si preparava per la processione del 12 febbraio.Giancarlo Cauteruccio Continua a leggere