MDLSX, inno alla libertà e all’identità fluida

La performance dei Motus con Silvia Calderoni è un viaggio oltre i confini di ciò che è considerato normale. MDLSX è andato in scena per il Progetto More

È un manifesto della diversità, del diritto ad un’identità che travalichi categorie e definizioni. Un viaggio oltre i confini di ciò che è considerato “normale”, per attraversare la molteplicità di ogni individuo. MDLSX è questo e anche di più, perché alla forza politica della performance targata Motus, aggiunge il lirismo e il pathos della confessione. Sul palco Silvia Calderoni si mette a nudo, non solo fisicamente, e dà in pasto al pubblico brandelli di vita vissuta, esperienze segnanti, dolori sublimati e alleggeriti dall’arte.

MDLSX Continua a leggere

More Focus, se a teatro l’unione fa la forza

Il Focus Calabria del Progetto More ha concluso la maratona teatrale al castello svevo di Cosenza, presentando alcuni bei lavori

Il teatro ha abitato le stanze del castello svevo di Cosenza e l’atmosfera era raccolta e partecipata come fosse un rito.  Il primo merito del Focus Calabria, anteprima del Progetto More ideato e diretto da Scena Verticale, è quello di aver creato un evento, ampliando lo spazio concesso anche negli anni scorsi al teatro di casa nostra. Un piccolo festival in cui si sono susseguiti spettacoli, performance, studi, letture sceniche, incontri e momenti di socialità. L’idea è quella dell’unione che fa la forza e la forza c’era, sostenuta anche da un luogo suggestivo (nonostante il restauro approssimativo) come il maniero federiciano. Il secondo merito è quello di aver mostrato alcuni bei lavori, sebbene un paio ancora in forma incompiuta. Faccio mea culpa: non sono riuscita a vedere tutti e dieci gli spettacoli. Pazienza.

Nino Racco

Nino Racco

Continua a leggere

Teatro, il Progetto More riparte dal castello svevo

Spazio al teatro regionale con la rassegna Focus Calabria, primo scampolo della stagione curata da Scena Verticale a Cosenza

Il teatro è un rito, Pasolini ne era convinto. Tanto da farne il presupposto del nuovo teatro antiborghese che lui perseguiva. Ma al di là delle funzioni e delle forme che il rito assume, l’azione e la condivisione ne restano i cardini. È innanzitutto per questa dimensione rituale che risulta interessante il Focus Calabria del Progetto More, diretto dalla compagnia Scena Verticale. Una rassegna dedicata alle compagnie calabresi che trasforma per tre intense giornate (il 21, 22 e 23 ottobre) il castello svevo di Cosenza in una cittadella del teatro. Dieci compagnie si susseguono, in una sorta di maratona, alternando l’esibizione vera e propria a momenti informali di riflessione con tre critici nazionali, accompagnando la chiacchiera a un aperitivo in cui artisti, pubblico e giornalisti possano mescolarsi, dialogare e, appunto, condividere.

compagnia-ragli

La compagnia Ragli in “Tette”

Continua a leggere