Teatro in Calabria, le compagnie: “la legge non è stata attuata”

A un anno dall’approvazione del testo, ancora mancano gli adempimenti per renderla operativa

È una storia di lentezza burocratica e amministrativa quella raccontata dalle compagnie teatrali calabresi, in affanno per la mancata attuazione della legge regionale approvata un anno fa. Era infatti il maggio del 2017 quando il Coordinamento del teatro calabrese annunciava con una certa soddisfazione il sì della Regione ad un testo di legge la cui gestazione era durata ben tre anni. Dopo dodici mesi dall’approvazione, a sei mesi dall’inizio del primo triennio 2018/2020, ancora non sono stati mossi quei passi che permetterebbero alla legge di diventare operativa, come la nomina della commissione di esperti che dovrebbe valutare la qualità dei progetti e la stesura dei formulari che stabiliscano tempi e criteri di partecipazione. Lo denunciano le compagnie durante una conferenza stampa nel foyer del Piccolo Teatro Unical.

teatro

Rombolà, Pisano, Vincenzi (foto dal sito corrieredellacalabria.it)

Continua a leggere

A Dario De Luca piace caldo, come uno scirocco

Continua il viaggio di tempodilettura.com tra le manie di artisti e personaggi dello spettacolo. Quella dell’attore, regista e drammaturgo di Scena Verticale parte da molto lontano

Ci sono fissazioni benevole come animaletti domestici, rassicuranti come una persona cara. Perché sono sempre lì, a ricordarci chi siamo. Le fissazioni parlano di noi, spesso sono legate alla nostra infanzia, a volte sono complici di un processo creativo. Per questo continua il viaggio di tempodilettura.com tra le manie di artisti e personaggi dello spettacolo. Chi è che non ha un piccolo chiodo fisso? In fondo, anche lì, è solo questione di gusti. Per esempio, a Dario De Luca piace caldo e non è il jazz, come nel delizioso film con Marilyn Monroe e Jack Lemmon.caldo-1 Continua a leggere

Nudo e la dolcissima ossessione che viene da un altro pianeta

Parte una nuova sezione del blog: Manie. Quella di Lindo Nudo si chiama Piccolo principe: tre trasposizioni teatrali, una quarta in gestazione, una traduzione in calabrese e una collezione che parla tante lingue

La porta si apre su un ingresso tinteggiato color cielo al crepuscolo, le pareti costellate dalle illustrazioni che Saint-Exupery disegnò a corredo del Piccolo Principe. Si tratta di copie, naturalmente, ma il fatto di accogliere i visitatori così, con l’ometto dai capelli d’oro e la sciarpa al vento che ti scruta dalle cornici a vetro, come fossi il bizzarro abitante di qualche pianeta sconosciuto, è il primo sintomo dell’inclinazione esclusiva che Lindo Nudo nutre per uno dei personaggi più amati della storia della letteratura. Ognuno di noi ha le sue piccole fissazioni, le sue manie e il viaggio che tempodilettura.com intraprende tra quelle di artisti e personaggi dello spettacolo, per realizzarne un ritratto inedito, parte da qui, da una mania poetica e fanciullesca insieme.nudo Continua a leggere