Rezza e la parabola del potere Anelante

Rezza e Mastrella tornano al Teatro Auditorium dell’Unical: ridere è una cosa seria

Sotto la maschera del surreale e del grottesco, Rezza è chirurgico nella destrutturazione di luoghi comuni e costumi sociali, di riti e credenze. Si ride assistendo ad Anelante, l’ultima fatica realizzata come sempre in coppia con Flavia Mastrella, ma con la consapevolezza e il conseguente disagio di essere rimasti nudi, come il famoso re della fiaba, e come gli stessi attori.rezza

Insieme ad Antonio Rezza, sul palco del Teatro Auditorium dell’Università della Calabria ci sono Ivan Bellavista, Manolo Muoio, Chiara Perrini ed Enzo Di Norscia. A questi ultimi è affidata una precisa e accurata partitura performativa, mentre Rezza alterna diluvi verbali e lunghi silenzi, scomodi e feroci quanto le continue traslazioni di senso tra parole. A cominciare proprio dal titolo che allude, per assonanza, all’esortazione di Che Guevara a una futuribile vittoria ma resta inchiodato a un participio presente che tradisce la costante brama di possesso, di carne e di potere. Così, la politica, la religione e la famiglia si mostrano per quel che sono, rapporti di forza, e un funerale e la sua retorica del compianto si trasformano in una serie di sodomizzazioni, con sberleffo delle donne che in questa pratica tentano un ruolo attivo piuttosto che passivo.rezza-2

Ma culo è anche sinonimo di fortuna (“Dio è un surrogato del culo, perché se non hai culo hai qualcosa a cui aggrapparti”) ed è pure la sembianza che possono assumere certe facce. Allora i culi degli attori si affacciano dalle finestrelle aperte nel muro che separa la scena in un davanti e un dietro, con la sensazione che la verità sia sempre al di là, nascosta. In questo girotondo forsennato di parole, suoni e gesti che è la vita, i personaggi cui dà vita Rezza, apparentemente surreali e bizzarri, sono perfettamente coerenti: un matematico che racchiude vuoti tra parentesi, un lettore che parla mentre legge, senza capire quel che legge e un adolescente che rimugina sui propri traumi infantili, immerso nel buio. Perché il nulla che ci circonda è il peso più consistente da sopportare, persino la croce, altro elemento scenico realizzato da Mastrella, ne esce storpia, sghemba.

Simona Negrelli

le foto di scena sono di Stefania Sammarro

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *