Giulio Cesare di Castellucci seduce il pubblico respingendolo

Il Giulio Cesare della Socìetas torna in scena al Teatro Auditorium dell’Unical e raffigura il potere e l’arte retorica con la sua carica disturbante.

Il potere è profondamente umano nella sua disumanità, esercitarlo è nella nostra natura, con la violenza (fisica e morale) che ne consegue. Questa è una delle contraddizioni di cui si nutre la vita, così come il teatro di Romeo Castellucci, che riporta in scena il suo Giulio Cesare, o almeno quel che ne resta dopo vent’anni di incubi da palcoscenico realizzati con la compagnia Socìetas Raffaello Sanzio (ma loro preferiscono chiamarsi solo Socìetas).

cesare

Maurizio Cerasoli/Marcantonio (Foto di Guido Mencari)

Continua a leggere